Boccioli in salamoia (capperi del nord)

Conservare i boccioli in salamoia è una tradizione di lunga data, per quanto ne so io è tipica soprattutto nelle valli qui nel nord Italia. In effetti si tratta di sapori molto sapidi che si avvicinano moltissimo a quelli dei capperi in salamoia o sotto sale. E i capperi non si trovano in montagna! Si trovano però tarassaco, margherite, crepis e tanti altri fiori eduli che si possono utilizzare per questa preparazione.

Questa ricetta è nata un pomeriggio di primavera in campagna, dopo aver parcheggiato la macchina ho notato che in un prato il tarassaco stava per sbocciare. Mi sono ricordata di aver trovato i boccioli di tarassaco sott’olio a una fiera in Valsassina e ho subito pensato di voler provare a farli fermentare! Quello di metterli in salamoia è stato un esperimento che mi è riuscito al primo colpo, perciò condivido volentieri.

 

Boccioli di tarassaco in salamoia

Ingredienti

1 T di boccioli di tarassaco appena colti
500 ml di acqua
12 g di sale marino integrale
alloro (fac.)
2 spicchi d’aglio puliti (fac.)

Utensili

2 vasi di vetro puliti, uno più grande e uno più piccolo
oppure un vaso e un pressello (sasso di fiume, legno levigato non trattato, disco di vetro…)
tovagliolo ed elastico

 

Procedimento

Per prima cosa, preparare la salamoia unendo acqua e sale. Si può fare a freddo oppure a caldo, l’importante è usarla sulle verdure completamente fredda. Il rapporto sale/acqua è di 25g / litro.

Lavare molto delicatamente i boccioli in acqua e aceto non pastorizzato, poi sciacquare e lasciare asciugare su qualche foglio di carta assorbente.

Prendere il vaso di vetro più grande e inserire i boccioli asciutti. Versare tanta salamoia quanto basta a sovrastarli abbondantemente. Aggiungere a piacere l’alloro e l’aglio. Inserire il pressello o il vaso di vetro più piccolo riempito d’acqua, in modo che tenga tutto sotto la salamoia. Coprire con tovagliolo ed elastico e rimettereil tappo, senza avvitare.

I tempi di fermentazione dipendono molto dalla temperatura. In primavera, io ho atteso 14 giorni. Controllare periodicamente che la salamoia sovrasti sempre tutto quanto.

boccioli in salamoia

boccioli di tarassaco in salamoia

Senza categoria

Informazioni su umesapiens

Sono Silvia, vivo in Brianza e da anni mi dedico anima e corpo alla cucina naturale, vegana e macrobiotica. Organizzo su richiesta corsi di cucina naturale e piccoli catering a domicilio. Sono disponibile per consulenze macrobiotiche.

Precedente Formaggio di mandorle con kefir d’acqua, miso e alga nori (non-formaggio) Successivo Verdure pressate con alghe wakame e semi tostati

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.