• Senza categoria

Brownies (o mini sacher?) al cioccolato fondente e bianco

Dolce di Pasquetta, nonché riciclo delle uova di Pasqua 🙂
…ancora un po’ pubblico questa ricettina a Pasqua del 2013!! Mi ero completamente dimenticata di avere fatto le foto a questi dolcetti!
Nonostante non abbia usato uova né burro per nessuna delle due preparazioni, sono venuti morbidissimi e super-cioccolatosi! Perciò li ho definiti brownies, anche se il sapore e la consistenza di quelli al fondente mi ha riportato immediatamente alla Sacher! 
Praticissimo il formato a quadrotti, perfetti da portare ad un picnic fuoriporta…. anche se noi ce li siamo dimenticati a casa e li abbiamo divorati la sera XD 
BROWNIES o mini Sacher 
AL FONDENTE

 
per circa 12 quadrotti per tipo:
200 g di cioccolato fondente 
2 bicchieri di farina 00
1/2 bicchiere di olio di semi
2 cucchiai colmi di zucchero di canna
un pizzico di cannella
qualche goccia di essenza di vaniglia
1/2 bustina di lievito
marmellata di lamponi o altro frutto acido
100 g di cioccolato per la copertura
BROWNIES AL CIOCCOLATO BIANCO
200 g di cioccolato bianco
2 bicchieri di farina
1/2 bicchiere di olio di semi
una grattugiatina di zenzero fresco o in polvere
1/2 bustina di lievito
2 cucchiai di zucchero semolato
marmellata di lamponi o altro frutto acido
granella di zucchero o altro cioccolato (io l’avevo finito.. anzi,diciamola tutta: l’ho bruciato al microonde :°°° )
Stesso procedimento per entrambe le preparazioni:
Setacciare gli ingredienti secchi e bagnarli con l’olio, mescolando bene con le mani. A parte, fondere il cioccolato (se vi fidate fatelo al microonde, io dopo il primo disastro ho utilizzato il buon vecchio bagnomaria!), lasciarlo intiepidire e aggiungerlo all’impasto. Regolare la consistenza dell’impasto con dell’acqua. Versare in uno stampo quadrato oleato e infarinato, sufficientemente grande perché l’altezza del dolce non superi i 2 cm, in forno lieviterà leggermente.
Infornare per circa 20 minuti a 180°, appena la superficie risulta cotta e inizia a formare i tipici “cretti”, provare con lo stecchino. L’interno dovrà comunque rimanere umido, ma non crudo.
Una volta freddato, estrarre e tagliare in quadrati e poi dividerli a metà per farcirli. In teoria si potrebbe dividere a metà l’intero dolce per farcire l’interno, e poi dividere in quadrati, ma dato che tende a disfarsi noi abbiamo preferito procedere così. 
Farcire l’interno con uno strato generoso di marmellata e metterne un velo anche sulla superficie.
Per la copertura, fondere il cioccolato rimasto e versarlo direttamente sui quadrotti, senza dividerli!! La parte più bella è spaccare il cioccolato di copertura per accaparrarsi un quadrotto, con il classico sublime “CROCK!”… che goduria extrasensoriale!!
Purtroppo siamo rimasti a corto di cioccolato bianco per la copertura, perciò abbiamo ripiegato su dei tristissimi zuccherini (che io ODIO…). Però il sapore è ottimo, anche se non sono amante del cioccolato bianco mi è piaciuto molto.
* dato che non ci sono altri grassi a parte l’olio, il sapore del cioccolato si sente distintamente, perciò consiglio di usarne uno di qualità.

umesapiens

Sono Silvia, vivo in Brianza e da anni mi dedico anima e corpo alla cucina naturale, vegana e macrobiotica. Organizzo su richiesta corsi di cucina naturale e piccoli catering a domicilio. Sono disponibile per consulenze macrobiotiche.

You may also like...

5 Responses

  1. eli ha detto:

    Mmmmm, deliziosamente scioglievoli!Mentre ho abbastanza presente il gusto della versione "noir"…mi incuriosisce quella con cioccolato bianco!

  2. Max ha detto:

    Una golosità allo stato puro…una fetta adesso grazie…ciao.

  3. Diana Ervas ha detto:

    piccoli momenti di estasi direi! Sei bravissima, come sempre riesci a farmi sentire il sapore!Un abbraccio a presto!

  4. SushiLove ha detto:

    Quanto mi andrebbero … mamma mia che voglia che mi hai fatto venire!!!! 🙂

  5. LaFataGolosa ha detto:

    ottima ricetta!anche io sto riciclando alla grande le uova di Pasqua!bacio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*