Budino di miglio con cocco e carruba

Il mio consiglio del mese di agosto su La rivista della natura riguardava i metodi di cottura del miglio, ma non includeva questo budino di miglio, che provvedo subito a pubblicare!

Il miglio nei dolci è altrettanto strepitoso, sia per il sapore che per la consistenza. Questo budino di miglio contiene la carruba e si presenta quindi marrone, ma in altre ricette il suo colore giallo canarino ci consente di preparare simil creme pasticcere e crème-caramel senza aggiunta di coloranti, naturali e non. Questo dettaglio non è da poco per me, dato che non sopporto la curcuma nei dolci e non uso coloranti di altro tipo. Purtroppo la gente comune vuole vedere il giallo-uovo per essere invogliata all’assaggio!

Come ormai saprete, siamo entrati in una fase energetica breve ma molto intensa, l’Energia Terra, ed è fondamentale che assecondiamo il cambiamento con la nostra alimentazione: questo è il momento di scrollarci di dosso gli eccessi di natura yin (espansivi e raffreddanti), che abbiamo sicuramente accumulato durante questa torrida estate. Il miglio è il cereale che meglio di tutti ci aiuta ad eliminare l’umidità e a predisporre il nostro corpo ad accumulare energia e calore, in vista della stagione più fredda.

L’Energia Terra è la stagione in cui domina il sapore dolce, perciò inauguriamola con questo dolce naturalissimo!

Budino di miglio con cocco e carruba

Ingredienti per 4-6 budini:

75 g di miglio decorticato
500 ml di latte di mandorla o riso e mandorla
300 ml di acqua
1 c scarso di agar agar
2 C di cocco in scaglie + 2 C di decorazione
120 g di malto di riso
15 g di carruba
un pizzico di sale
4 C di succo di mela + 2-3 C di malto d’orzo per la guarnizione

 

Procedimento:

Sciacquare il miglio ripetutamente in acqua fredda e scolare bene. Questo procedimento ci permette di eliminare il retrogusto amaro tipico di questo cereale.

versare il miglio in una pentola capiente e dal fondo spesso e aggiungere i liquidi, l’agar agar e un pizzico di sale. Accendere il fuoco e portare ad ebollizione. Dopo 15 minuti di cottura, aggiungere la carruba setacciata, il malto e il cocco. Mescolare bene e proseguire la cottura fino ad assorbimento completo. Il composto deve essere cremoso, non asciutto. Frullare tutto con minipimmer per ottenere una crema. Versare subito il budino di miglio nelle coppette o nei bicchierini e lasciare raffreddare completamente. Conservare in frigorifero.

Preparare lo “sciroppo” con cui si servirà il budino di miglio: scaldare il succo di mela e aggiungere circa 2-3 cucchiai di malto d’orzo. In mancanza di quello d’orzo, usare malto di riso, anche se quello d’orzo somiglia di più al caramello per il retrogusto amarognolo. Al momento di servire, versare due cucchiai di sciroppo sopra al budino e passare con una spolverata di cocco in scaglie.

 

 

Senza categoria

Informazioni su umesapiens

Sono Silvia, vivo in Brianza e da anni mi dedico anima e corpo alla cucina naturale, vegana e macrobiotica. Organizzo su richiesta corsi di cucina naturale e piccoli catering a domicilio. Sono disponibile per consulenze macrobiotiche.

Precedente Pasta e fagioli estiva: con crema di borlotti al basilico, zucchine e il loro fiore Successivo Mi prendo una pausa

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.