• Senza categoria

Crema di miglio e carote con sesamo

Ahi Ahi Ahi… Che dramma quando hai 1000 cose da fare e una stupida febbriciattola ti costringe a stare a riposo! Se non si tratta di qualcosa di serio, virale o non, il rimedio più efficace è armarsi di tanta pazienza! Infatti spesso i malanni leggeri e di breve durata vanno intesi come tentativi del nostro corpo di scrollarci di dosso l’eccesso di calore accumulato durante la stagione fredda, in preparazione a quella più mite.

Ovviamente ci sono dei rimedi per alleviare i sintomi, ma non è riempiendoci di analgesici e antinfiammatori che faremo il nostro bene, anzi.

La cosa più importante, comunque, è non abbassare la guardia mantenendo sempre un’alimentazione forte, ancora di più in questi giorni. Perciò state alla larga da pastine in brodo di dado, riso bianco con parmigiano e triangolini di pseudo-formaggino. Il peggio del peggio? La spremuta d’arancia! E questo vale per i grandi come per i più piccoli: si tratta di cibo debole, che non fa altro che indebolirci invece di aiutare la flora batterica a mantenersi attiva. Quindi:
SI alle creme di cereali, come questa crema di miglio oppure di riso integrale, che è un ottimo antinfiammatorio naturale.
NO alle pastine raffinate, ai preparati per zuppe e vellutate, brodi in polvere o dadi, ai prodotti con grassi animali o vegetali di sintesi, al pane e ai prodotti da forno.

SI al succo di mela, le polpe di frutta e di verdura cotte e rese cremose, senza dolcificanti ma con un pizzico di sale o un cucchiaino di malto di riso.
NO a spremute d’arancia, succhi di frutta e bevande zuccherate, frutta cruda (meglio evitare anche quella mela grattugiata col limone che ci piaceva tanto!), latte animale o vegetale, dolci di ogni tipo, prodotti tropicali (compresi tapioca, agave, cioccolato, latte di cocco e compagnia bella).

Meglio evitare tutti i prodotti animali, eccetto un po’ di pesce bianco se siamo molto deperiti, ma in generale non fanno che ostacolare i processi di guarigione e alimentare l’acidità nel nostro corspo (perciò l’infiammazione). I latticini in particolare aumentano il muco e impoveriscono la flora batterica. Per lo stesso motivo evitiamo anche le farine, quindi pane e pasta.

 

Quali sono allora gli alimenti da preferire?

In una parola, semplicità. Semplificando la dieta la rinforziamo.

crema_miglio_carote

Innanzitutto non dimentichiamo i nostri amici cereali integrali, che devono restare la base della nostra alimentazione. Ovviamente non avremo granché appetito, né voglia di piatti elaborati, perciò possiamo farli stracuocere con più acqua del normale e consumarli in crema.

Cuociamo bene le verdure, soprattutto le verdure dolci, e preferiamo le consistenze morbide e cremose per rilassarci.

Possiamo evitare di mangiare i legumi, ma non dimentichiamo di prendere sempre una zuppa di miso prima di mangiare, anche ad ogni pasto, compresa la colazione.

Nel limite del possibile, cerchiamo di mangiare prodotti “forti”, cioè biologici e freschi, non surgelati né conservati.

La ricetta di oggi quindi è ispirata al mio stato di salute di questi giorni, dedicata a tutti i malati, ma con un paio di accorgimenti* adatta anche ai bambini molto piccoli, malati e non.

crema_miglio_carote1

Crema di miglio e carote con sesamo

1 tazza di miglio cotto (rapporto cereale/acqua 1 : 3)
3 carote bio
un pizzico di sale
1 cucchiaino di tahin
semi di sesamo tostati

Pulire le carote, tagliarle grossolanamente e cuocerle in un pentolino con una tazza di acqua e un pizzico di sale. Quando sono abbastanza morbide, aggiungere il miglio cotto e far riprendere il bollore. Cuocere per cinque minuti, poi frullare tutto al minipimmer. Aggiungere un cucchiaino di tahin e dopo due minuti spegnere il fuoco. Servire calda o tiepida, a piacere con semi di sesamo tostati.
Varianti: con zucca, cavolfiore, rape bianche, batata, sedano rapa.

*La versione per bambini dai 10-12 mesi: senza sale, con crema di mandorle bianca al posto del tahin e qualche goccia di succo di limone a crudo, utile per l’assimilazione del ferro. Non usare minipimmer ma passaverdure.

  crema_miglio_carote2

umesapiens

Sono Silvia, vivo in Brianza e da anni mi dedico anima e corpo alla cucina naturale, vegana e macrobiotica. Organizzo su richiesta corsi di cucina naturale e piccoli catering a domicilio. Sono disponibile per consulenze macrobiotiche.

You may also like...

4 Responses

  1. Erica Di Paolo ha detto:

    Ecco, mi illumini, come sempre. Io, però, che sono sanissima e che i cibi ricchi li assumo abitualmente, un po’ di cioccolato me lo posso concedere? Ahahahahahahahah
    Sei meravigliosa e questa crema mi intriga un sacco.

    Un bacione.

  2. Francesca ha detto:

    Stasera la provo, nonostante stia bene.
    Adoro verdure e cereali integrali.
    Complimenti per le ricette, seguo molto il tuo blog e il tuo stile di alimentazione.
    Buona giornata, Francesca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*