Frollini vegan con okara di mandorle e cannella (senza zucchero, con malto d’orzo e carruba)

Per il post di questa settimana ho deciso di dare tregua all’aspetto salutistico della cucina e concederci un bello sfizio come si deve, come questi frollini vegan con okara di mandorle. Perché non c’è scusa che tenga: possiamo fare dei biscotti vegan, delle frolle senza burro, delle creme senza uova e magari (magari!!) anche senza zucchero; ma se cuciniamo dei dolci, in particolare quelli da forno, è perché abbiamo voglia di qualcosa di buono e un po’ meno sano dell’ordinario. Va benissimo così, perché dobbiamo nutrire anche lo spirito, oltre che il corpo!

Inutile resistere, tanto vale assecondare questa voglia di dolce, facendo di tutto perché questo dolce sia di buona qualità. Ne sarà appagato il palato, ma soprattutto lo spirito.

frollini vegan con okara di mandorlefrollini vegan con okara di mandorle

Questa ricetta di frollini vegan, oltre ad essere senza zucchero né prodotti raffinati, è anche ecologica, per la presenza dell’okara di mandorle. L’okara è lo scarto fibroso della produzione di bevande vegetali che prevedano l’oso di cereali, legumi o semi oleosi. Avevamo già visto la preparazione del latte vegetale qui, mentre qui avevo già parlato delle qualità dell’okara e suggerito un riutilizzo sfizioso in versione salata.

Oggi invece vediamo un riuso dell’okara in versione dolce, per fare dei biscotti. In questo caso, avendo prodotto parecchio latte di mandorle, avevo una montagna di okara di mandorle da utilizzare. L’okara di mandorle si presta davvero bene nei biscotti e nelle crostate, dà forza e croccantezza agli impasti. Da provare anche nelle polpette vegan, per crocchette e panature.

okara di soia

Ho utilizzato anche la polvere di carruba per dare colore e aggiungere dolcezza ai frollini, senza aggiungere troppo malto. Non è indispensabile, ma a me piace molto.

Consiglio:

è molto meglio utilizzare l’okara solo dopo averla essiccata: infatti l’okara appena ottenuta dalla produzione di latte vegetale è molto umida e rischia di compromettere la ricetta originale per la presenza di liquidi. Inoltre, essiccata dura a lungo e potrete utilizzarla quando ne avrete voglia. Se non avete l’essiccatore potete farlo sia in forno a bassa temperatura, sia in padella a fuoco bassissimo, continuando a rimestare con un cucchiaio di legno finché non è completamente asciutta. Lasciata raffreddare e chiusa in un barattolo si conserva a lungo.

carruba

Frollini vegan con okara di mandorle e cannella
senza zucchero, con malto d’orzo

Per 2 teglie di frollini

 

80 g di okara di mandorle essiccata
100 g di farina di segale integrale
50 g di farina di tipo 2
2 C rasi di polvere di carruba (facoltativo)
60 g di uvetta tritata grossolanamente
90 g di olio di semi di girasole
70 g di malto d’orzo
succo di mela qb
1 c di cannella
un pizzico di polvere lievitante (facoltativa)
un pizzico di sale

 

Accendere il forno. Miscelare tutte le polveri insieme, setacciando la carruba e facendo attenzione a districare per bene i granelli di okara, che essiccando tendono a compattarsi. Inserire anche l’uvetta tritata. In un’altra ciotola inserire olio e malto e mescolare con un goccio di succo di mela (o latte di mandorle). Aggiungere alle polveri e incorporare aiutandosi con un cucchiaio. Iniziare a impastare, aggiungendo altro succo di mela solo quanto basta per ottenere un impasto lavorabile e non troppo duro. Impastare qualche minuto e poi stendere al mattarello, aiutandosi con la carta da forno. È un impasto abbastanza appiccicoso, ma non aggiungete troppa farina, altrimenti i biscotti saranno molto duri.

Fare le formine e collocarle sulla teglia ricoperta di carta da forno. Cuocere a 170° per circa 15 minuti.

frollini vegan con okara di mandorle frollini vegan con okara di mandorle

Prossimi eventi:

26/05/2018
10:00 am – 12:30 pm
Parliamo di colazione – Cernusco Lombardone
Il Naturale, Cernusco Lombardone

 …presto nuove date per i prossimi corsi!

 

 

 

Senza categoria

Informazioni su umesapiens

Sono Silvia, vivo in Brianza e da anni mi dedico anima e corpo alla cucina naturale, vegana e macrobiotica. Organizzo su richiesta corsi di cucina naturale e piccoli catering a domicilio. Sono disponibile per consulenze macrobiotiche.

Precedente La colazione macrobiotica e la crema di cereali Successivo Insalata di miglio con pesto di mirtilli agrodolce

Lascia un commento

*