Gazpacho di carote e zenzero

Alla fine l’estate è arrivata anche quest’anno – cosa ormai non più tanto scontata, neppure a luglio inoltrato. Perché un gazpacho di carote e zenzero, invece che un classicone pomodoro e peperoni? I motivi sono diversi.

gazpacho di caroteInnanzitutto, per cambiare un po’! Il gazpacho è un antipasto originario dell’Andalusia e oggi diffuso in tutto il mondo, in un’infinità di varianti. Si tratta di una zuppa fredda e generalmente cruda, a cui si aggiungono ingredienti acidi o agrodolci (in genere aceto e cipolla rossa) che donano freschezza ed esaltano i profumi degli ortaggi. Che poi, a essere proprio pignoli, gli ingredienti principali del gazpacho tradizionale non sono ortaggi, ma frutti: pomodori, peperoni, cetrioli sono botanicamente frutti a tutti gli effetti! Quindi si tratta di fatto di una zuppa di frutta tropicale.

Un altro motivo, è quello di trovare un’alternativa alle tanto (troppo) utilizzate solanacee: è vero che l’estate è il momento giusto per concedersi qualche pomodoro, melanzana, peperone e patata ogni tanto, ma in Italia sono il contorno/condimento quotidiano. E non solo d’estate, per la maggior parte di noi. Dobbiamo ridurre il consumo di questi ortaggi, che da un lato contengono molta solanina (alcaloide potenzialmente tossico), ma soprattutto – e questo è quello che a noi interessa di più – sono estremamente yin e un uso frequente indebolisce le difese immunitarie, rendendoci maggiormente esposti ai malanni nei cambi stagionali.

Infine, i colori: l’arancione della carota è il colore più allegro che ci sia! In questo caso ho preferito cuocerla, non tanto per l’aspetto energetico della verdura cruda (essendo una radice, è sempre meno yin di pomodori e peperoni), ma per la consistenza che diventa più cremosa, e per il sapore che diventa più dolce. L’acidità è data dall’acidulato di umeboshi, che però non ha un effetto acido sul nostro organismo, ma alcalino (al contrario dell’aceto). La piccantezza dello zenzero aiuta a mantenere il corpo fresco durante il grande caldo.

   gazpacho di carote

Gazpacho di carote e zenzero

300 g di carote
5 cm di radice di zenzero fresca grattugiata
1 cipollotto intero
½ limone spremuto
2 cucchiai di olio evo
2 cucchiai di acidulato di umeboshi
acqua fredda qb
semi di papavero per guarnire

Tagliare grossolanamente carote e cipollotto, conservando qualche centimetro di verde. Cuocere in una padella con olio e un goccio d’acqua, salare. Quando sono abbastanza morbide, aggiungere l’aceto, lasciare assorbire un minuto e poi spegnere il fuoco. Trasferire nel contenitore del minipimer, aggiungere il succo di limone e qualche goccia di succo di zenzero, un bicchiere d’acqua e frullare. Aggiustare di sale ed eventualmente aggiungere altra acqua per ottenere la giusta densità. Lasciare raffreddare completamente e conservare in frigorifero per almeno mezzora. Versare nelle scodelline e servire con semi di papavero e cipollotto crudo.

gazpacho

Senza categoria

Informazioni su umesapiens

Sono Silvia, vivo in Brianza e da anni mi dedico anima e corpo alla cucina naturale, vegana e macrobiotica. Organizzo su richiesta corsi di cucina naturale e piccoli catering a domicilio. Sono disponibile per consulenze macrobiotiche.

Precedente Crostata di ribes rossi Successivo Cous cous integrale con crema al masala

Lascia un commento

*