• Senza categoria

HELP! Blog fuori servizio!

Mi sono arrivate segnalazioni nelle ultime settimane, riguardanti malfunzionamenti del mio blog: chi non vedeva i miei aggiornamenti, chi non riusciva a commentare… e l’altro giorno l’ultimo guaio: la scomparsa totale dei commenti! Sto cercando di capire il motivo, non so quanto mi ci vorrà per risolverlo. Ovviamente ce la metterò tutta per rimediare, ma nel frattempo, se volete comunicare con me, potete scrivermi. Se avete avuto lo stesso problema, vi prego -vi supplico!- di illuminarmi, perché ora come ora brancolo nel buio…
Non vi lascio a bocca completamente asciutta: io esisto anche nel mondo reale eh, con o senza commenti continuo a cucinare, come prima e più di prima! Ecco uno sfizioso antipasto con pochi ingredienti, ma dagli splendidi colori. Adoro il sedano rapa, anche se ha un brutto nome -non trovate??- è ottimo in tutte le salse, ma in particolare mi piaceaccompagnarlo con sapori agrodolci, agrumati e asprigni, come ho fatto qui con la mostarda di clementine. E torno a proporlo con un agrume, la combava, che viene dal Madagascar e si può trovare in polvere.
Crema tiepida di sedano rapa alla combava
con pane di segale
250 g di sedano rapa pulito
200 ml di latte di soia autoprodotto
2 C di olio di semi di girasole
sale qb
1/2 c di combava in polvere SDSpezie
4 fette di pane di segale integrale Pema
fettine d’arancia per decorare
Tagliare il sedano rapa a tocchetti e preparare un leggero soffritto con l’olio e mezzo bicchiere d’acqua. Salare e lasciare stufare finché l’acqua viene assorbita. Aggiungere il latte tiepido poco per volta e continuare la cottura. L’importante è che sia latte di soia senza zucchero né altri dolcificanti o aromi! Aggiungere la combava prima di frullare il tutto, quando il sedano rapa è morbido. Mentre la crema intiepidisce, tagliare a triangoli il pane di segale e preparare qualche fettina d’arancia. Versare la crema nei bicchierini e decorare con pane e arancia.

umesapiens

Sono Silvia, vivo in Brianza e da anni mi dedico anima e corpo alla cucina naturale, vegana e macrobiotica. Organizzo su richiesta corsi di cucina naturale e piccoli catering a domicilio. Sono disponibile per consulenze macrobiotiche.

You may also like...

12 Responses

  1. neveverde ha detto:

    complimenti per le tue ricette, io le trovo squisitamente eleganti.

  2. Erica Di Paolo ha detto:

    Hihihihi, e meno male che sei anche reale!!!!La combava mi mancava. E pensare che il Madagascar lo adoro e mi ha travolto ^_^Da te si impara sempre qualcosa di uovo. Grande!!

  3. Pasticci Patapata ha detto:

    olééé i commenti sono tornati!! rendiamo grazie a Merlino, che ha rimediato al danno :)))

  4. Pasticci Patapata ha detto:

    grazie mille! vengo a trovarti, visto che sei nuova 😉

  5. MARI Z. ha detto:

    Gli aggiornamenti mi arrivano, vediamo come va con i commenti! Comunque che delizia questa cremina! Il sedanorapa lo uso poco in cucina, eppure mi piace! Lo rivalutero' seguendo questo incondueto abbinamento! Ciao! 🙂

  6. Pasticci Patapata ha detto:

    dai Mari, vale la pena di dare una seconda chance al miracoloso sedano rapa 😉 baci

  7. Peanut ha detto:

    Oh Paata, vedo con piacere che la funzione commenti è tornata! Quando ti ho lasciato il mio qualche giorno fa, c'era una casella di Google+ da compilare piuttosto che il classico spazietto di blogger, vedi un po' che non ti siano stati reindirizzati lì… Ma proprio non saprei.Non conosco la combava, ma mi piacciono sempre parecchio le salsine in cui pucciare robetta varia! :3Speriamo si risolva! Un bacione

  8. Titti ha detto:

    Non sapevo il sedano rapa, ma ha lo stesso profumo di quello di sedano…? Mi piace molto il sedano, spero di trovare il sedano rapa da qualche parte…

  9. letissia ha detto:

    Finalmente è tornato tutto a posto! Così posso dirti che questa ricetta mi è piaciuta proprio assai assà!Baci e a presto.

  10. Pasticci Patapata ha detto:

    sì, menomale… tutto regolare, anche le mie stregonerie 🙂 un bacio

  11. Pasticci Patapata ha detto:

    mmmm non lo vedo nemmeno su G+ mannagg' :((( mi fai un sunto? daiiii :p

  12. Pasticci Patapata ha detto:

    si esatto, profuma di sedano, ha anche quel retrogusto amarognolo, ma se lo cuoci a lungo diventa dolcissimo, come le rape e tutte le verdure dolci tonde 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*