La colazione macrobiotica e la crema di cereali

Ieri sera ho tenuto un corso sulle colazioni, un tema che suscita sempre molto interesse, e in partiolare la colazione macrobiotica, pensata per avere un equilibrio fra l’interno e l’esterno di noi. Perciò oggi ho deciso di tirare le somme in un post dedicato a tutti quelli che “ma io non riuscirò mai a rinunciare al caffé con la brioche“.

La colazione all’italiana: tutto tranne che sana

Tutti sappiamo che la colazione “all’italiana” è lontana anni luce da un pasto minimamente equilibrato. D’altro  canto, oggi sono davvero poche le realtà in cui le parole “equilibrio” e “colazione” possono degnamente stare nella stessafrase. Tuttavia, è interessante constatare che noi italiani siamo fra le poche popolazioni al mondo a consumare un pasto completamente dolce (bevanda inclusa) come colazione. Questo fatto non è da sottovalutare: in poche altre tradizioni al mondo troviamo una quantità tale di grassi animali, zuccheri e prodotti raffinati tutti insieme in un pasto. Questo è un video simpatico che illustra un’indagine del Washington Post proprio sulle colazioni nel mondo:

 

Yin e yang

La mattina è il momento del risveglio in tutti i sensi, che interessa la nostra mente e il nostro corpo. Secondo l’orologio cinese, il mattino presto è il momento dello stomaco, un organo vuoto, così come tutto il tubo digerente, perciò molto yin. Il mattino stesso, come momento della giornata, è yin. Questa abbondanza di energia espansiva e ascendente va equilibrata con qualcosa di più yang. Perciò non c’è spremuta né yogurt con 0,00000002 % di grassi che tenga: il tubo digerente richiede alimenti più yang.

 

colazione macrobiotica

La colazione macrobiotica

Aggiungere elementi più yang al momento della colazione significa essenzialmente mangiare qualcosa di caldo, di cotto, con un occhio di riguardo agli organi coinvolti nella digestione (mi dispiace per i caffeinomani, ma il caffè non è per niente gradito ai nostri organi interni!), ma anche di concederci del tempo per alimentarci… è il pasto più importante della giornata!

Vediamo concretamente gli alimenti da preferire per la colazione macrobiotica, ovvero per una colazione equilibrata:

tè bancha (kukicha) oppure per i più audaci brodo di miso
cereale integrale
meglio se in chicco e ben cotto, anche in crema
gomasio
verdure di stagione
(ma su questo possiamo chiudere un occhio 😉 )

 

Mettiamo che questo menu colazione sia la vetta: se partiamo da 0 m s.l.m. cerchiamo di fare del nostro meglio per avvicinarci, procedendo per gradi.

Ad esempio, iniziamo con togliere lo zucchero e sostituirlo con il malto o la frutta secca e disidratata. Eliminare lo zucchero dalla propria alimentazione è un importante grande primo passo! Di seguito vi propongo una semplice ricetta per cominciare bene la giornata, che possiamo preparare in grandi quantità e riscaldare ogni mattina, aggiungendo ogni giorno a piacere ingredienti dolci o salati.

colazione macrobiotica  colazione macrobiotica

La colazione macrobiotica: crema di cereali

1 T di riso integrale (oppure ½ T di riso e ½ di un altro cereale qualsiasi)
1 tazza di latte di soia al naturale (senza dolcificanti né aromi)*
4 tazze di acqua
un pizzico di sale
2 cucchiai di sesamo*
malto di riso qb.

Lavare i cereali e scolarli. Metterli in una pentola larga e dal fondo spesso e aggiungere 4 tazze di acqua. Lasciare in ammollo almeno un paio d’ore. Aggiungere tutti gli altri ingredienti (eccetto il malto) e accendere il fuoco. Abbassare al minimo quando inizierà a bollire.

Lasciare cuocere almeno un’ora, si può prolungare la cottura fino a due ore se si desidera una consistenza ancora più cremosa, aggiungendo dell’acqua all’occorrenza per non far asciugare troppo. Spegnere il fuoco e lasciare coperto qualche minuto.

A questo punto è possibile lasciare la crema così e gustarla, oppure passarla al passaverdura o frullarla. una volta raffreddata si conserva in frigorifero fino a 4 giorni. Ogni giorno prelevare la quantità che si desidera e scaldarla leggermente con poca acqua. Condire a piacere con un cucchiaio di malto e frutta secca o semi tostati.

 

*Il sesamo e il latte di soia sono entrambi ricchissimi di calcio, oltre che di grassi buoni. Perciò questa versione della crema di cereali è più ricca in nutrienti e adatta a bambini, adulti che vogliono aumentare un po’ di peso, donne in allattamento o in menopausa.

 

Varianti della crema di cereali per la colazione:

Riso integrale con avena decorticata, con amaranto, con orzo decorticato, con miglio. Invece del malto provare le composte di frutta o le creme di mandorle o nocciole al naturale (senza zucchero né latte). Come aggiunta dolce, provare ad aggiungere in cottura uvetta, mele, mandorle, noci, prugne secche o frutta fresca.

 

colazione macrobiotica

Prossimi eventi:

10/05/2018
7:00 pm – 10:00 pm
Corso di dolci naturali – new
Ume sapiens, Lomagna

Per approfondilre la questione dei dolcificanti, degli ingredienti da evitare e quelli da introdurre.

 

 

Senza categoria

Informazioni su umesapiens

Sono Silvia, vivo in Brianza e da anni mi dedico anima e corpo alla cucina naturale, vegana e macrobiotica. Organizzo su richiesta corsi di cucina naturale e piccoli catering a domicilio. Sono disponibile per consulenze macrobiotiche.

Precedente Verdure pressate con alghe wakame e semi tostati Successivo Frollini vegan con okara di mandorle e cannella (senza zucchero, con malto d’orzo e carruba)

2 commenti su “La colazione macrobiotica e la crema di cereali

  1. Chiara il said:

    Adoro la crema di cereali…oramai fa parte della mia colazione da qualche anno! Volevo chiederti se con l’arrivo dell’estate è possibile aggiungere della frutta fresca al mattino a colazione. Grazie

    • Ciao Chiara! Tutto si può fare, l’importanteè sapere che la frutta cruda è molto yin, perciò regoliamoci di conseguenza 😉 In generale direi che quando fa molto caldo può fare sicuramente piacere per rinfrescarsi, magari non mangiamola tutti i giorni a colazione oppure facciamola cuocere qualche minuto insieme alla crema.
      Buon proseguimento di primavera!
      Silvia

Lascia un commento

*