La ricetta del panettone vegan

… non fatevi ingannare dalla foto, siete capitati sulla pagina giusta: questa è proprio la ricetta del panettone vegan… si è solo travestito da danubio! Ma adesso vi racconto il perché di questa trovata:

Tempo fa ho trovato online la ricetta del panettone macrobiotico, l’ho stampata e appesa al frigorifero, in attesache i tempi (e la pasta madre) fossero maturi per provarci. Bene: il momento tanto atteso è giunto questa settimana, finalmente ho del tempo da dedicarci e mi cimento.

ricetta panettone vegan

Comincio con i rinfreshi per rendere la mia Gina più attiva che mai, risvegliandola dal letargo refrigerato. Faccio i primi due rinfreschi a distanza ravvicinata nell’arco della giornata. Nel frattempo, vado al mio negozio di fiducia dove di solito acquisto ogni sorta di attrezzi da cucina e materiale per catering… mannaggia, non tengono più gli stampi da panettone!!! E adesso cosa ci faccio con la super-Gina, se non posso preparare il tanto desiderato panettone vegan homemade???

La curiosità di assaggiare il MIO panettone macrobiotico vegano è davvero troppo forte: lo faccio lo stesso e gli do un’altra forma. I miei lettori capiranno – vero che capite???

Dunque, vagliando le possibili forme adatte per la condivisione, ho pensato dapprima alla treccia, tipica del challah ebraico, ma l’idea del danubio si è subito anteposta: pratica e abbastanza semplice da replicare. Così sia: Danubio di Natale, o panettone vegan in veste di Danubio.

 

ricetta panettone veganricetta panettone vegan

Prima di mettervi all’opera: per la buona riuscita del dolce dovrete adoperarvi almeno 3 giorni prima, con i rinfreschi della pasta madre. Il procedimento è semplice, ma il primo ingrediente è il tempo… come tutte le cose buone 🙂

 

Panettone vegan

o Danubio di Natale

(liberamente tratta da SugarLess)

Ingredienti per un dolce di 1 kg

Per i rinfreschi:
farina di tipo 2 e acqua (la quantità dipende dal peso della vostra pasta madre)

Primo impasto:
200 g di pasta madre molto attiva
200 g di farina 2
50 ml di latte di avena
100 g di malto di riso
25 g olio di semi di girasole
un pizzico di sale

Secondo impasto:
160 g di farina 2
latte di avena qb
100 g di malto di riso
30 g di olio di semi di girasole
80 g di uvetta
scorza di 1/2 arancia essiccata (anche fresca)
un pizzico di sale

Primo giorno – ore 19:

Dedicate il primo giorno ai rinfresci della pasta madre. Per il primo rinfresco, procedete come siete abituati, con lo stesso peso di pasta madre in farina e la metà in acqua minerale non calcarea. Rimettete nel barattolo una parte di lievito rinfrescato e lasciate l’altra parte in una bacinella di ceramica o di vetro coperta da pellicola (bastano 100 g, anche meno). Lasciare lievitare tutta la notte.

Secondo giorno

ore 8:

Riprendete la pasta madre e rinfrescatela ancora come la prima volta e rimettetela nella ciotola, ben coperta. Lasciate raddoppiare di volume e procedete con un altro rinfresco. Nel mio caso ci sono volute circa 6 ore, in casa ho una temperatura piutosto bassa. A questo punto -indovinate un po’- fate un altro (l’ultimo!) rinfresco. Lasciate lievitare fino al raddoppio.

ORE 19:

Preparare il primo impasto: sciogliere la pasta madre nel latteappena tiepido, aggiungere il malto e l’olio e mescolare bene. In seguito aggiungere la farina e un pizzichino di sale. Impastare a lungo, fino ad ottenere un impasto omogeneo ed elastico. Se necessario aggiungere più farina. Fare tante pieghe e sbattere un po’ sul piano di lavoro (tranquilli che non gli fate male, anzi direi che l’impasto che è un po’ “maso”!). Formare una palla e collocare in un’ampia ciotola unta con olio. Coprire con pellicola e chiudere nel forno spento, o conservare in un luogo riparato e non freddo, per tutta la notte.

TERZO GIORNO

ORE 10:

Riprendere l’impasto, che dovrebbe essere ben lievitato (in caso contrario attendere ancora e magari coprire con coperta). Preparare gli ingredienti del secondo impasto e aggiungerli al primo iniziando dai liquidi, poi la farina e infine uvette e scorza d’arancia tritata molto fine. Quest’ultimo ingrediente di aiuta a conferire al panettone un sentore di arancia anche senza i canditi -che personalmente adoro, ma che sono anche bombette di zuccheri non meglio identificati.
Impastare bene il tutto a lungo, per ottenere un impasto omogeneo e bello eastico. Formare una pallotta e lasciarla lievitare nella solita ciotola, ben coperta con la pellicola.

ore 20:

Nel caso in cui volestecimentarvi nel Danubio, dividere l’impasto in 10 – 12 palline uguali. Disporle nello stampo coperto da carta da forno in modo che siano vicine l’una all’altra, ma non a contatto.
In caso contrario, riporre l’impasto nello stampo da panettone. Ricoprire con un panno bagnato e riporre nel forno spento, per tutta la notte.

QUARTO GIORNO – ORE 8:

Preriscaldare il forno a 170°. Pennellare tutta la superficie con del latte di avena, poi infornare e cuocere per circa 45 minuti per il Danubio – 1 ora circa per il panettone.
Lasciare raffreddare prima di tagliare.
 ricetta panettone vegan
panettone vegan

 

Nel regalarvi questa ricetta non posso che augurarvi ogni bene per questo Natale e per l’anno che verrà. Vi auguro tante cose buone, e non solo da mangiare, per il 2018 – una di queste potrebbe essere un mio corso di cucina 🙂 !

E se siete alla ricerca di qualche ricetta sfiziosa per un pranzo di natale vegan, o la cena della vigilia, nella sezione Downloads trovate un PDF con tante ricette per una festa natalizia tutta crueltyfree!

corso dolci naturali

 

 

Senza categoria

Informazioni su umesapiens

Sono Silvia, vivo in Brianza e da anni mi dedico anima e corpo alla cucina naturale, vegana e macrobiotica. Organizzo su richiesta corsi di cucina naturale e piccoli catering a domicilio. Sono disponibile per consulenze macrobiotiche.

Precedente Free SD Card Data Recovery Windows 7/8 portable torrent download Successivo Rise Of The Tomb Raider 20 32 Bit Brat Sass torrent download

Lascia un commento

*