Ume sapiens Macrobiotica in Brianza

Goma-dofu: tofu di sesamo

Finalmente ce l’ho fatta: ecce goma-dofu!! Non che sia così complicato a farsi, anzi: sono rimasta piacevolmente stupita dalla facilità e dalla brevità della sua preparazione, a differenza del fratello maggiore tofu, di gran lunga più complesso e artificioso. Vi avevo già parlato qui della setta Shingon dei monaci buddisti e della loro cucina Shojin-ryori, perciò non mi ripeterò in merito. Il Goma-dofu, ovvero “tofu di sesamo”, è proprio tipico di questa cucina: la cucina dell’anima, leggera...

Paella… de noantri!

Sono stata in Spagna qualche annetto fa, in Catalunia precisamente. Ancora abbastanza onnivora, sempre inguaribile curiosa dell’enogastronomialocale, mi sono gustata ogni genere di tapas.Ricordo sapori esotici e profumi dolci, tartine ipersalate e dolcissima sangria bianca, densi fumi di brace e tequila che si beve da sola, pioggia di olive e insalatone che non finiscono mai.Ma è logico, il piatto scolpito nella mente resta l’immortal Paella. Ma vi dirò una cosa che ho scoperto in seguito: è...

Tempeh fritto! …quanno ce vo’, ce vo’

Premessa: sono sempre stata del partito di quelli che “se la friggi, è buona anche una suola di scarpe“ e anche di quegli altri che “la formula del fritto una volta alla settimana che fa bene al fegato, l’hanno inventata i frittofagi cronici“. Senza contare che il mio organismo non è esattamente una fuori serie in materia di digestione; in termini di prestazioni, somiglia più a un tosaerba che a un’autovettura… Perciò per natura non reggo...

Zattera di asparagi e hijiki con riso Java ai fiori di ciliegio

Vorrei rassicurare coloro che non hanno afferrato due o tre paroline nel titolo del post: non è che mangio tutti i giorni così! Ho poco tempo per dedicarmi ai miei doveri bloggherecci come dovrei, perciò cerco di concentrare i miei interventi proponendo qualcosa che per molti suona insolito.   In primis, spendo due paroline per il riso che ho utilizzato.Voi lo potete ammirare in tutto il suo splendor livido, fra il bordeaux e il violaceo. In...

Budino di zucca e kuzu con sciroppo di fiori di sambuco

…che ve lo dico a fa’?è già goduria pura pronunciare il nome degli ingredienti: zucca, latte di riso e mandorla, kuzu, fiori di sambuco. E dopo il nuovo inquilino del piano alto della dispensa (chiamasi farina di riso glutinoso), stavolta sperimento un’altra conquista giapponese, amico delle preparazioni dolci e salate, ma sempre pappe di ogni sapore e colore: il kuzu. Ora che Patapata sta diventando una persona seria e si è messa a studiare terapia alimentare,...

Pasta di carrube con fave e pesto di carciofi e mentuccia

Torniamo a noi, per un italianissimo pasto, riassunto in un velocissimo post. Insomma, un fast-post-pasto! A Natale, mia sorella mi ha portato dalla Campania un prodotto a me sconosciuto: la pasta alle carrube. Conoscevo già questo intrigante frutto dalle proprietà miracolose, almeno stando agli esperti nutrizionisti. Ne avevo assaggiato un baccello appena colto dall’albero, precisamente a Matera, qualche anno fa. Il sapore mi aveva letteralmente conquistato: così dolceamaro, persistente e appagante (…e pure calorico, se vogliamo...

Quinoa con tarassaco, pepe voatsiperifery e uvetta

…e anche per quest’anno, siamo almeno a quota 3 esclamazioni “compi gli anni lo stesso giorno di Lucio Dalla!“. “….ehhhggià!“. Non che mi dispiaccia compiere gli anni lo stesso giorno del buon vecchio Lucio. E mi garba anche che la data del mio compleanno sia il titolo di una canzone (tralasciando quel 1943, ovviamente). In un certo senso, parto già un pezzo avanti: non nasco in una data qualunque. Ma forse è proprio la fonetica delle...

Ravioli alla crema di marroni e pesto di cavolo nero

Oggi festeggio un inizio per tante cose. In primis, il nostro nuovo orto, che comincia finalmente a prendere forma sotto i raggi di un improbabile sole primaverile. Abbiamo fatto grandi progetti per questo nuovo angolino: sarà uno spazio tutto per noi, per l’ingegno di Merlino e per la mia fantasia, per i sogni e la curiosità, per la sana e sacrosanta fatica, per il nostro pensiero libero, che si concretizza in qualcosa di meraviglioso, per noi...

Riso venere con passatina di finocchio, nocciole e zenzero

DRIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIN! Iniziare la giornata con questo suono, che ti connette il cervello direttamente al luogo di lavoro come in un ologramma, è abbastanza traumatico.Dopo le feste, poi…Io non ho fatto ferie, ma avere a casa il maritino che ti accoglie con ancora il grembiulino a fiori addosso, le maniche risvoltate e mille stoviglie parcheggiate nel lavandino (come diamine fanno a sporcare così tante cose per fare un riso o una pasta, dico io!?), è come essere...

Quadrotti di cachi e grano saraceno al cacao (glutenfree)

Le torte sbagliate – i dolci che se non ti lecchi le dita godi a metà – le dosi “a occhio” – la cucina fatta di sensazioni – a naso direi che basta così – quanno ce vo’ ce vo’ – un pizzico anche di questo per dare lo zing – proviamo a bilanciare con quest’altro ingrediente… … e soprattutto morire se riesco a seguire una ricetta per filo e per segno ! Ecco qui, tradotta...