Pak choi al curry con carote e sesamo bianco e nero

La ricetta di oggi è un semplice contorno, che ha come protagonista il pak choi (o bok choy), un simpatico ingrediente che viene da lontano, anche se oggi lo troviamo abbastanza di frequente. Infatti il pak choi è di origine cinese e viene ampiamente usato in tutto il sud-est asiatico, ma questo in particolare viene proprio dietro l’angolo: dalla Società Agricola Antonio Pennati di Monticello Brianza, specializzata in rosai e piante da frutto ma che ha anche una vendita di retta di prodotti a km 0 (anzi, direi “metri 0”!). Non è per niente una forzatura coltivare il pak choi in Brianza, proprio perché il nostro clima è particolarmente favorevole alla sua crescita.

Proprietà del pak choi

Il pak choi può trarre in inganno per la sua forma (che trovo molto elegante!), perché assomiglia alla nostra bieta da costa, anche se è più piccolo e il gambo è più bianco. In realtà non sono nemmeno lontani parenti; infatti il pak choi è una brassicacea e appartiene alla famiglia delle crucifere, proprio come cavolo cappuccio, cavolo nero, verza etc. Come i suoi cugini, anche il pak choi gode delle ottime proprietà nutritive: è una miniera di vitamine, sali minerali, ha proprietà antitumorali e contiene addirittura più antiossidanti e caroteni delle altre crucifere.

E soprattutto, non è un alimento decalcificante, come sono coste, biete, spinaci, barbabietole e rabarbaro. Questi ortaggi contengono infatti un’elevata quantità di ossalati, ovvero antinutrienti che si legano ai sali minerali introdotti con il cibo per formare dei cristalli, possono trasformarsi in calcoli renali. Ovviamente non dobbiamo eliminarli completamente dalla nostra alimentazione, basta non esagerare nel loro consumo; ma sicuramente ne è sconsigliato l’utilizzo in caso di problemi di calcoli e soprattutto di osteoporosi. Con il pak choi invece andiamo sul sicuro!

pak choi al curry

Come si cucina il pak choi

L’uso in cucina del pak choi è molto semplice e potremmo anche impiegarlo proprio in sostituzione delle coste, che gli assomigliano così tanto. Tuttavia, il pak choi si può anche consumare crudo o pressato e in generale non è buona cosa farlo bollire, proprio per evitare di disperdere in acqua tutte le sue belle proprietà. si può cuocere a vapore o scottare in acqua bollente per un minuto, ma credo che dia il meglio di sé saltato in padella o in wok.

In Corea è tipico il pak choi fermentato, ovvero il bok choy kimchi – a cui sto lavorando-sperimentando: presto vi renderò partecipi del risultato, abbiate pazienza! Ma è molto usato in tutta l’Asia anche nelle zuppe e con i noodles. Inutile dire che i condimenti piccanti sono immancabili! Per questo piatto ho usato un curry dolce e poco piccante, semplicemente perché non amo molto il piccante invasivo (e anche perché piango come una fontana e mi cola il naso da paura!).

In ogni caso, non è indispensabile utilizzare le spezie per cucinare il pak choi: provatelo anche con grano saraceno, salvia e scorza di limone, è semplicemente squisito!

pak choi al curry

Pak choi al curry con carote e sesamo bianco e nero

Contorno per 2 persone

Ingredienti:

1 cespo di pak choi
2 carote piccole
2 spicchi d’aglio
1 c di curry dolce
1 C di semi di sesamo bianco tostato
1 C di semi di sesamo nero tostato
3 C di olio di sesamo
sale q.b.

Procedimento:

Pulire le coste del pak choi una ad una e tagliarle in obliquo, tenendo separati i gambi dalle foglie. Pulire le carote con una spazzola, tagliarle a rondelle in obliquo e poi a fiammifero.

In una wok, o una padella ampia, versare l’olio, il curry e l’aglio schiacciato, salare leggermente e accendere il fuoco. Quando sfrigola inserire le carote e i gambi del pak choi, aggiungere un filo d’acqua e un pizzico di sale. Saltare per qualche minuto, agiungendo poca acqua se fosse necessario. A metà cottura inserire anche le foglie tagliate e continuare a saltare per pochi minuti. Le verdure devono rimanere croccanti e il pak choi deve restare verde brillante. Aggiustare di sale e spegnere il fuoco. alla fine aggiungere il sesamo tostato e servire.

pak choi al currypak choi al curry

 

 

 

Senza categoria

Informazioni su umesapiens

Sono Silvia, vivo in Brianza e da anni mi dedico anima e corpo alla cucina naturale, vegana e macrobiotica. Organizzo su richiesta corsi di cucina naturale e piccoli catering a domicilio. Sono disponibile per consulenze macrobiotiche.

Precedente Riso integrale saltato con tofu e alghe arame Successivo Biscotti al cocco vegan senza glutine con farina di piselli

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.