Prodotti da forno e mal di schiena

I protagonisti di oggi sono proprio loro, pensiero fisso di noi italiani in fatto di cibo: i prodotti da forno. Vorrei trattare l’argomento però a partire da un problemino che proprio in questi giorni mi sta disturbando e che credo sia molto comune, cioè il mal di schiena. Apparentemente sembrano non esserci nessi fra le due cose, ma scopriremo che non è proprio così.

Da quando ho circa 19 anni, una-due volte l’anno mi assale improvvisamente un dolore nella parte alta della schiena, più o meno in mezzo alle scapole. I primi anni soffrivo moltissimo, il dolore era molto profondo, mi prendeva anche il collo. Non trovavo sollievo in nessuna posizione e nemmeno con i massaggi, era davvero troppo profondo. Ho provato con impacchi, fisioterapia, osteopatia, cerotti, cuscini caldi, pomate cinesi… Il dolore poteva restare lì per giorni, qualche volta per settimane, e poi iniziava ad attenuarsi e restava come insabbiato. Sentivo che era lì latente, sempre pronto a scatenarsi di nuovo.

 

prodotti da forno e mal di schiena

 

Di certo le cause dei dolori sono diverse e non si riducono necessariamente solo al cibo -altrimenti in famiglia avremmo tutti lo stesso dolore, mangiando le stesse cose. Di certo, però, un tipo di alimentazione non adatta alla nostra costituzione può scatenare quelli che sono i nostri punti deboli, portandoci così ad una condizione di dolore o disturbo.

 

prodotti da forno e mal di schiena

Come facciamo a sapere qual è il cibo giusto per la nostra condizione?

Innanzitutto, parlando di dolori, dobbiamo capire se è un dolore yin oppure yang. Per i mal di schiena, si tratta quasi certamente di dolori yang:

penetranti e profondi
localizzati in zone centrali, interne e sul retro
sono costanti
durano anche periodi lunghi
si leniscono con il calore

 

La gestione del dolore è forse l’occasione migliore (se così possiamo dire!) per capire a fondo come utilizzare yin e yang nella nostra vita di tutti i giorni:

a dolore yang corrisponde rimedio yin
a dolore yin corrisponde rimedio yang

Lo stesso principio vale per tutti i tipi di disturbi. Ma prima di ogni rimedio, prima di ogni piatto specifico, impacco, massaggio, pomata e intruglio verde -per miracoloso che sia- dobbiamo eliminare tutto lo yang dal nostro stile di vita, in particolare il cibo yang!

 

il dolore

 

Se ci limitiamo ad assumere rimedi, senza modificare nulla del nostro stile di vita, forse il dolore si attenuerebbe, ma sicuramente il problema reale, magari legato a uno o più organi interni, rimarrebbe. La prima mossa da fare per risolvere un dolore yang è dunque eliminare tutto ciò che creerebbe ulteriore contrazione.

Allora non sospettavo nemmeno l’enorme potere che il cibo ha sul nostro corpo (e sulla nostra mente), perciò non facevo per nulla caso a cosa mangiavo. Anzi, per consolarmi cercavo conforto proprio nel cibo che mi piaceva di più: biscotti, crostate, pane tostato, taralli, freselle condite, pane, pane e ancora pane. Oggi so bene che i prodotti da forno sono da evitare completamente -ahimè- quando dobbiamo risolvere un problema yang, come il mal di schiena.

L’effetto energetico del forno è quello di scaldare e non è assolutamente da bandire come metodo di cottura, soprattutto in inverno è molto utile. Il problema è la farina cotta nel forno: tutti i prodotti da forno sono troppo asciutti e secchi, creano tensione agli organi localizzati nel plesso solare che sono appunto quelli più yang. Una persona in salute può mangiarne un po’ qualche volta la settimana, ma se li mangiamo tutti i giorni (e noi italiani lo facciamo!), è difficile pensare di non subire poi qualche conseguenza.

 

prodotti da forno e mal di schienaprodotti da forno e mal di schiena

 

Se siete dipendenti da pane, biscotti, crackerse qualsiasi altro farinaceo da forno, una buona soluzione può essere la cottura a vapore, una tradizione molto orientale (in Asia non hanno il forno). Con questo metodo di cottura potete preparare pane, dolci per la colazione, merende e snacks! Quasi tutte le ricette di lievitati possono essere adattate a vapore, ma ecco qualche ricetta pensata appositamente per la cottura a vapore:

Pane a vapore di farro
Pane all’uva cotto a vapore
Panini salati farciti
Pane a vapore con noci, fichi secchi e semi di finocchio
Muffins a vapore al limone e mandorle
Muffins con farina di castagne senza glutine
Panini di riso dolci farciti (Buns)

 

pane a vapore

Com’è finita con il mio mal di schiena?

Negli ultimi 5 anni ne ho sofferto solo un paio di volte e non è più così violento né prolungato nel tempo, come agli inizi. Vorrei potervi dire che non ne soffro più, ma ho i miei punti deboli anch’io!! Questa estate sono stata in giro per l’Italia e, nonostante abbia mangiato sempre sano, non avevo il controllo sugli stili di cottura. Per fortuna non avverto dolore, è più un fastidio per la tensione eccessiva. Usare yin e yang ci permette di prevenire i nostri disturbi o limitarli molto. E n ogni caso, saremo consapevoli.

 

punti deboli

 

 

Senza categoria

Informazioni su umesapiens

Sono Silvia, vivo in Brianza e da anni mi dedico anima e corpo alla cucina naturale, vegana e macrobiotica. Organizzo su richiesta corsi di cucina naturale e piccoli catering a domicilio. Sono disponibile per consulenze macrobiotiche.

Precedente Insalata di farro alle erbe con boccioli e limone Successivo Riso nero con carote al timo e pesto di salvia

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.