Tagged:

Vegan Burger di zucca, tofu e quinoa con birra glutenfree alla quinoa

Vegan Burger di zucca, tofu e quinoa con birra glutenfree alla quinoa. Una Blond Ale tutta particolare, si afferma con carattere senza risultare una copia sbiadita delle birre con glutine. Ho pensato che la zucca potesse essere l’ingrediente base, dato che il sapore dolce, ma non stucchevole, si sposa bene con questo tipo di birra, che lascia un gradevole retrogusto amaro.

Veg&Beer #5 Frittura di fiori di sambuco, tempeh e birra acida Gueuze 100% Lambic bio

…metti insieme tempeh fritto e birra acida e hai fatto la felicità del tuo palato. Entrata prepotentemente nella top 3 delle mie birre preferite, finalmente ho trovato un abbinamento con un piatto vegan degno di lei. Fritture di tempeh e fiori di sambuco con Cantillon Gueuze 100% Lambic BIO  D’accordo, la birra acida non è per tutti i palati, ma se uno è abbastanza abituato a bere birra e vino di qualità, è alquanto improbabile che...

Frittelle di pasta madre alle mele e alle castagne

Ho quasi 28 anni. Vivo con il mio attuale consorte da più di 3. In questa casa, complice la scuola di cucina, ho cucinato praticamente ogni sorta di vegetale in ogni salsa, dolce o salata [gli “onnivori” non malignino contro questa affermazione, perché scommetto che in quanto a varietà, in pochi batterebbero un vegan-foodie!]. Eppure, questa settimana c’è stata una prima volta: il battesimo del fritto dolce. Ebbene sì: non ho mai cucinato le frittelle Com’è...

Veg&Beer #3: Falafel di cicerchie

La nuova puntata della rubrica Veg&Beer (cliccate qua e qua se vi siete persi le prime puntate) torna a trovare gli amici del microbirrificio Badalà di Montemurlo (PO). Questa volta, protagonista della degustazione tutta al naturale è la loro biondissima Ge.a, a cui è toccato un classico della mia cucina, con una curiosa variante: le cicerchie. Questa meraviglia di legume è tipico di alcune regioni, fra cui la Toscana, perciò il matrimonio con la “bimba” di...

Quello che vorrei… Falafel di cicerchie

Prima o poi tutti sprofondiamo negli abissi dell’autocoscienza, la mente fluttua fra rimpianti e desideri rimasti appesi in alto e mai raggiunti. Alcuni solo sfiorati con la punta delle dita.A me capita spesso nel cambio di stagione. Quel momento di disorientamento sensoriale, che manda tutto il sistema in tilt per un istante. Qualche volta, il tilt si è prolungato parecchio, per poi diventare blackout totale. Ora però mi sento un po’ più forte. Sarà la nuova...

Tempeh fritto! …quanno ce vo’, ce vo’

Premessa: sono sempre stata del partito di quelli che “se la friggi, è buona anche una suola di scarpe“ e anche di quegli altri che “la formula del fritto una volta alla settimana che fa bene al fegato, l’hanno inventata i frittofagi cronici“. Senza contare che il mio organismo non è esattamente una fuori serie in materia di digestione; in termini di prestazioni, somiglia più a un tosaerba che a un’autovettura… Perciò per natura non reggo...