Mi piace chiamarlo “tofumino”, ma non è altro che tofu sott’olio! Anzi, non proprio…

La ricetta è scandalosamente semplice, si tratta di tofu bianco tagliato a cubetti e lasciato immerso in abbondante olio, sale ed erbe aromatiche. Ma potevo io non adottare un barbatrucco?? In effetti questo non è un semplice olio, ma si tratta di olio di kechek, ovvero l’olio che resta dopo esserci mangiati l’intero barattolo di kechek!

Io uso sempre un buon olio evo biologico per stagionare il kechek, innanzitutto per la qualità del cosiddetto “formaggio dell’uomo povero”, ma anche perché l’olio lo utilizzo anche per condire e cucinare. L’olio di stagionatura del kechek ha un sapore acidulo, vagamente limonato e sapido. Insomma, sa di fermentato! Inoltre, io lo aromatizzo già per la stagionatura, con alloro e aglio, a volte peperoncino e altre spezie. Per questo lo trovo azzeccatissimo per marinare e condire, un vero barbatrucco in cucina!

tofu sott'olio

Tofu sott’olio

con olio di Kechek stagionato

Ingredienti:

1 panetto di tofu al naturale
circa 250-300 g di olio di kechek oppure olio evo biologico
spezie ed erbe aromatiche fresche o secche a piacere (per me rosmarino e timo e un po’ di scorza di limone)*
Sale q.b.

Procedimento:

Preparare il tofu sott’olio è semplicissimo, ma va fatto in anticipo di almeno 3 giorni.

Filtrare l’olio di kechek, trasferire in un barattolo più capiente e aggiungere erbe e spezie a scelta. Più erbe ci sono e più sarà saporito il tofu, quindi non risparmiatevi (non assecondiamo il luogo comune che il tofu non sa di niente!!). *Oltre a quelle che ho scelto io, c’erano i sentori di alloro e aglio, presenti nell’olio, che consiglio di aggiungere se usate un olio normale.

Sbollentare il tofu in acqua con sale per 10 minuti. Scolare e raffreddare. Tagliare in cubetti, asciugare benissimo con carta da cucina. Immergere il tofu nell’olio, chiudere il tappo e lasciare marinare per 3-5 giorni. In estate conservare 1 giorno a temperatura ambiente e gli altri in cantina o in frigorifero. Servire leggermente scolato dall’olio, per accompagnare verdure miste di stagione o insalate di cereali.

N.B.: Ricorda che il tofu costituisce la componente proteica del pasto, anche se lo servi freddo, in crema, con verdure, nelle insalatone etc. Quindi evita di aggiungere un altro elemento proteico nello stesso pasto, soprattutto se si tratta di cibo animale.

tofu sott'olio
tofu sott'olio

Tofu sott’olio (con olio di Kechek)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.