Tofu strapazzato al curry con verdure

Il tofu strapazzato è un modo di cucinare questa pietanza di soia che ingolosisce sempre tutti, anche i più reticenti ad aprirsi a “nuove” frontiere culinarie -comico se pensate che il tofu avrà 5000 anni…!

Il tofu è diventato fra le mie “nuove” pietanze preferite, mi piace cucinarlo in infiniti modi diversi e lo apprezzo di più nei salati. Lo assaggiai la prima volta che avevo 16-17 anni, lo ricordo bene perché ero in Germania in vacanza-studio con la classe di tedesco. Dopo la lezione mattutina pranzavamo presso una mensa per universitari, di cui purtroppo ho pessimi ricordi, tipo la pasta scottissima con un sugo rosso agrodolce, ma soprattutto questo “spezzatino” di non so che, che poi ho scoperto essere vegetariano e che conteneva, appunto, questo strano alimento spugnoso fatto a cubetti. Per quello che mi ricordo, non era cucinato granché bene, ma solo il fatto che nei primi anni 2000 in una piccola cittadina della Germania servissero pietanze vegane alla mensa universitaria… beh cosa aggiungere, se non che gli adorabili crucchi sono sempre un passo avanti a tutti (pasta al sugo a parte!).

tofu strapazzato

Diciamo che se avessi trovato un bel piatto colorato come questo con il tofu strapazzato, forse ne sarei stata incuriosita e assaggiandolo magari mi sarebbe anche piaciuto. Chissà. Invece, non sapendo bene che cosa mi stessi mangiando, lasciai tutto il tofu da una parte e mi pappai l’intingolo con il pane. In seguito mi sono ben guardata dal riprovarci con il tofu, fino a tempi meno sospetti, quando annunciai la mia scelta vegetariana in casa e mia mamma si ostinava a cuocere bistecchine di seitan insieme alla carne e a mettermi il tofu crudo nel panino di soia.

Insomma, ci è voluta la scuola di cucina con il primo tofu al forno per abbandonarmi all’amore per questo meraviglioso alimento. Niente a che vedere con quelle tristissime bistecche di soia, che della soia in realtà non hanno che l’ombra dell’ombra di un ricordo infedele. Fra tutte le pietanze “proteiche” di origine vegetale, il tofu è sicuramente quella più versatile. Come dicevo, io lo uso praticamente solo nel salato, essendo un alimento molto yin è necessario bilanciare l’energia espansiva con qualcosa di più yang (sale e calore). Inoltre, nei dolci il suo sapore mi disturba un po’. Questo ci porta al solito pippone della settimana:

Il tofu va cotto!!!

Anche se lo dovete usare a freddo e scondito, frullato per una salsa o una crema, prima va sbollentato una decina di minuti con un pizzico di sale. Questo ovviamente non vale se avete intenzione di cucinarlo insieme ad altre pietanze, come per il tofu strapazzato ad esempio.

Ecco la ricetta per stupire grandi e piccini con questa esplosione di colori e sapori.

tofu strapazzato

Tofu strapazzato

Con curry e verdure

 

Ingredienti per 3-4 porzioni

360 g di tofu al naturale (2 panetti)
1 carota grossa o 2 piccole
1-2 scalogni
1 spicchio d’aglio
1 mazzo di cime di rapa o di spinaci
olio di sesamo q.b.
1 c di curry dolce
1 c di curcuma
sale q.b.
2 C di acidulato di umeboshi

 

Procedimento

Mettere i panetti di tofu un una scodella e con le mani sbriciolarli completamente. In un’ampia padella versare l’olio, l’aglio, lo salogno e la carota tritati finemente. Salare e aggiungere il curry, poi accendere la fiamma e fare soffriggere per due minuti. Aggiungere un mestolo di acqua calda (tenere sempre un pentolino con acqua calda per aggiungerla all’occorrenza) e poi inserire il tofu. Lasciare insaporire qualche minuto, poi aggiungere altra acqua calda in modo che sia molto umido e coprire con coperchio. Cuocere per circa 10 minuti.

Nel frattempo, pulire le cime di rapa eliminando i gambi grossi e tagliare le foglie grossolanamente. Tenere da parte.

tofu strapazzatoIn un mezza tazza di acqua calda sciogliere la curcuma e versare in padella, mescolando subito per farla assorbire bene dal tofu. Infine, aggiungere le cime di rapa in padella con un pizzico di sale e lasciarle appassire per 5 minuti al massimo, devono restare verde brillante. Ed ecco il segreto del mio tofu strapazzato: verso fine cottura, aggiungere acidulato di umeboshi! Se non lo avete, potete spremere mezzo limone per dare l’acidità mancante al piatto.

Il tofu deve rimanere bello umido durante tutta la cottura, altrimenti tenderà a seccarsi; perciò non risparmiatevi in acqua, il tofu ne assorbe molta.

tofu strapazzato

tofu strapazzato

 

Senza categoria

Informazioni su umesapiens

Sono Silvia, vivo in Brianza e da anni mi dedico anima e corpo alla cucina naturale, vegana e macrobiotica. Organizzo su richiesta corsi di cucina naturale e piccoli catering a domicilio. Sono disponibile per consulenze macrobiotiche.

Precedente Kimchi di mare con alghe e pak choi (Sea-chi) Successivo Grano saraceno in crema di finocchi e mandorle, polvere di olive nere e limoni fermentati

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.