Vegan Burger di zucca, tofu e quinoa con birra glutenfree alla quinoa

veg & beer

In preparazione al weekend, ho deciso di preparare un piatto insolito, perché anche noi super macrobiotici amiamo concederci qualcosa di sfizioso ogni tanto. Mi viene da suggerire a certi fondamentalisti del cibo che conosco di fare altrettanto: preparare qualcosa di buono ogni tanto, anche se c’è una salsina, anche se non c’è la giusta proporzione di cereali-verdure-legumi, anche se c’è la birra (scandalo!), fa bene all’umore e allo spirito! Oltre alla gioia di condividere qualcosa con chi non segue la nostra filosofia di vita, che sicuramente apprezzerà questo piatto.

Ricordiamoci che anche lo spirito va nutrito, non solo il corpo 🙂

Oggi torniamo a parlare un po’ di birra, perché non ho abbandonato la mia rubrica Veg&Beer! Questa volta esuliamo dalla tradizione, in tutti i sensi. Questa birra è innanzitutto biologica e gli ingredienti provengono dal commercio equo; inoltre è un prodotto senza glutine, perché fatta con quinoa e malto di grano saraceno. Ne risulta una Blond Ale tutta particolare, si afferma con carattere senza risultare una copia sbiadita delle birre con glutine. Ecco la descrizione, come riportata sulla pagina web di AltroMercato:

blondeale_quinoa

Blonde Ale alla quinoa AltroMercato
certificata senza glutine

Alc. 4,5% vol
IBU (Grado di Amaro) 24
EBC (Stima del Colore) 7.5

È fatta con la quinoa questa Blond Ale che non fa rimpiangere le tradizionali birre con glutine. Un sapore unico, fine e complesso, al naso un po’ lattiginoso (tipico della quinoa), ma al tempo stesso maltato, con echi di verdure e di lievito. In bocca, la Ale biologica senza glutine Altromercato è leggera e setosa. Delicatamente zuccherata. Freschezza e gusto rotondo sono sostenuti da un’elegante effervescenza.
Blonde Ale Altromercato è una birra semplice ma di carattere, prodotta ad alta fermentazione. Ha un colore giallo chiaro e brillante, leggermente opalescente e produce una schiuma fine e compatta, non troppo persistente. Il risultato finale è quello di una birra equilibrata, con piacevoli note d’acidità e di amaro.

E a me spetta la ricetta che accompagna questa gioia dei celiaci! Ho pensato che la zucca potesse essere l’ingrediente base, dato che il sapore dolce, ma non stucchevole, si sposa bene con questo tipo di birra, che lascia un gradevole retrogusto amaro. La dolcezza di fondo del burger richiama un sorso di birra, che a sua volta porta a un altro boccone di burger, di nuovo un sorso di birra… e in men che non si dica spazzolerete piatto e bicchiere!

vegan burger zucca tofu

Vegan Burger di zucca, tofu e quinoa

Per 4 mini burger

1 T di zucca cotta al forno
200 g di tofu al naturale sbollentato
½ T di quinoa rossa e bianca Altromercato
2 C di farina di riso thai Altromercato
2 C di cipolla rossa tritata finissima
rosmarino tritato
sale qb

Per accompagnare

Salsa di tahin e aceto di riso, insalata mista, cips di barbabietola e di bucce di zucca

Preparare il burger: inserire nel mixer il tofu precedentemente sbollentato in acqua, la zucca, la quinoa, la cipolla, il rosmarino e una presa di sale. Frullare a più riprese finché gli ingredienti si saranno amalgamati. Aggiungere poi la farina di riso thai: a me sono bastati 2 cucchiai, ma dipende dall’umidità della zucca. Perciò aggiungetene finché il composto non sarà abbastanza sodo da riuscire a modellarlo con le mani (resterà comunque molto morbido).

Formare i burger: io ho preferito farne 4 medio-piccoli per comodità (essendo molto morbidi, mi risulta più facile girarli in padella!).

In una padella antiaderente versare 2 cucchiai di olio di sesamo e iniziare a scaldarlo. Quando sfrigola adagiare i burger abbastanza distanziati, altrimenti non si riescono a girare. Se necessario cuocerli 2 per volta. Quando si è formata la crosticina da un lato, girare dall’altro e continuare a cuocere per almeno 10 minuti, finché il burger è bello colorato.

vegan burger zucca tofu

Per le cips, basta tagliare alla mandolina la barbabietola e friggere bucce e fettine per pochi secondi in olio di semi di girasole o di mais biologico.

Servire accompagnato con della birra di quinoa moderatamente fresca e, se volete, con del pane fatto in casa glutenfree (il mio è di pasta madre glutinosa).

vegan burger zucca tofu

Senza categoria

Informazioni su umesapiens

Sono Silvia, vivo in Brianza e da anni mi dedico anima e corpo alla cucina naturale, vegana e macrobiotica. Organizzo su richiesta corsi di cucina naturale e piccoli catering a domicilio. Sono disponibile per consulenze macrobiotiche.

Precedente Crostata con crema di castagne e azuki e ribes rosso Successivo Miglio al cavolfiore: il cereale del buonumore

Lascia un commento

*