macrobiotica

“La teoria senza pratica è inutile. La pratica senza teoria è pericolosa”.
George Ohsawa

Oggi pensiamo che basti dire quello che non mangiamo per descrivere chi siamo.
Così diventiamo vegetariani, vegani, crudisti, fruttariani, lacto-ovo, pesceriani, seguiamo la dieta del metabolismo, quella dei superalimenti, quella del cibo liquido e chi più ne ha più ne metta.

La macrobiotica, o cucina naturale, non fa parte di queste categorie: è semplicemente un’etichetta che nel secondo ‘900 definiva chi conduceva uno stile di vita in armonia con la natura, con il proprio ambiente e territorio, con il clima e le stagioni. Il macrobiotico rispetta la natura dell’alimento e quella di chi lo consuma, a partire da se stesso e dalla propria famiglia.
Perciò dico che macrobiotica non è che un’etichetta, che va ben oltre l’aspetto dell’alimentarsi in modo sano (non troverete mai più in questo sito l’attributo “sano” riferito al cibo, ormai vuoto di significato e motivo di confusione), come va oltre i concetti di rispetto degli animali e dell’ambiente. I nostri nonni e antenati erano tutti macrobiotici: il loro ritmo di vita seguiva quello della natura e non viceversa, avevano cura delle colture e rispettavano la durata dell’intero ciclo vitale, non gli sarebbe mai venuto in mente di mangiare fragole per il dolce di natale, trascorrevano la maggior parte della giornata all’aperto, non erano allergici né intolleranti, se si ammalavano la causa era la mancanza di igiene, acqua corrente, povertà.
Oggi siamo fin troppo puliti, i medicinali sono tutti a portata di emergenza, di acqua ne abbiamo finché vogliamo; eppure siamo più malati, deboli e infelici di loro.

La macrobiotica è innanzitutto questo: la via per la felicità. Un corpo malato non può ospitare una mente sana. La mente fa parte del nostro corpo fisico ed energetico, entrambi aspetti fondamentali da nutrire e curare nella nostra vita quotidiana.

Non possiamo diventare tutti esperti di cucina naturale ed energia del cibo, ma invito tutti a riflettere prima di ogni gesto; parlo proprio di quelli quotidiani e apparentemente insignificanti, come mangiare o lavarsi le mani. Usate il buonsenso e informatevi, siate consapevoli che ogni cosa che fate avrà un risvolto sul mondo e dipende solo dalle vostre scelte se sarà positivo.

Per conoscere la cucina macrobiotica, o cucina naturale che dir si voglia, seguitemi: ce n’è per tutti i gusti!

ume sapiens