Brownies vegan con fagioli neri, fragole e pepe rosa

Per la ricetta di oggi lasciamo stare la macrobiotica, almeno in parte. Mi sono lasciata andare alle sensazioni primaverili e, complice qualche tavoletta di cioccolato superstite dagli sgarri pasquali, quasi senza rendermene conto ho realizzato un dolce proprio goloso! Nel mio quadernetto dei dolci tutto impiastricciato, mi ero scritta un paio di ricette per i brownies vegan con i fagioli neri nell’impasto, mai provati finora.

brownies vegan fagioli neri

Ero certa che l’abbinamento fagioli neri e cioccolato sarebbe stato un successo, oltretutto adoro entrambi gli ingredienti! I fagioli neri sono naturalmente molto dolci, anche di più degli altri legumi, ma hanno un sapore piuttosto neutro, un po’ come i cannellini. Perciò vanno benissimo per le ricette dolci. Inoltre ci aiutano a eliminare molti grassi superflui, che nei brownies servirebbero a mantenere la morbidezza interna del dolce, a fronte di una superficie più asciutta.

Dunque ecco partorito il mio brownie con i fagioli neri, con le mie variazioni sul tema ovviamente!

brownies vegan fagioli neri

In effetti con fragole e pepe rosa potrebbe sembrare un dolce da san Valentino, ma di certo le fragole è meglio mangiarle adesso che è (quasi) stagione, che non a febbraio! Perciò, anche senza una scusa plausibile per scofanare dolci, godiamoci questi brownies vegan, che dopotutto sono naturalmente dolci e con ben pochi grassi, ma -assicuro- assai gratificanti e coccolanti!

 

Brownies vegan con fagioli neri, fragole e pepe rosa

200 g di fagioli neri cotti100 g di malto di riso
50 ml di succo di mela
50 g di farina 2
20 g di cacao
80 g di mandorle tritate abbastanza fini
4 C olio di girasole deodorato
50 g di cioccolato fondente tritato fine
Un pizzico di vaniglia
Un pizzico di sale
½ c di bicarbonato
5-6 bacche di pepe rosa macinate
Fiordifrutta alle fragole e fragoline di bosco Rigoni di Asiago

Frullare i fagioli neri, precedentemente lessati con alga kombu, insieme al succo di mela, l’olio, il malto e la vaniglia. A parte, setacciare le polveri, aggiungere le mandorle tritate e il pepe rosa macinato fine. Versare al centro i liquidi e mescolare energicamente con una frusta. Il composto dovrà essere molto morbido ma non liquido, quindi se necessario aggiungere un po’ di succo di mela o di farina. Infine inserire il cioccolato tritato fine. Oleare uno stampo rettangolare e versare l’impasto, che dovrà essere alto non più di 1 – 1,5 cm. A questo punto, allungare 2 cucchiai di Fiordifrutta alle fragole con 1 cucchiaio di succo di mela, mescolare bene e poi posizionarne un cucchiaino alla volta sulla superficie del dolce, scavando leggermente con il cucchiaio per farlo penetrare. Infornare a 160° per circa 35-40 minuti. Fare la prova stecchino: l’interno del dolce deve restare morbido ma compatto.

Lasciare raffreddare. Servire a quadrotti con un po’ di Fiordifrutta allungato con poco succo di mela caldo.

brownies vegan fagioli neri  brownies vegan fagioli neri

Senza categoria

Informazioni su umesapiens

Sono Silvia, vivo in Brianza e da anni mi dedico anima e corpo alla cucina naturale, vegana e macrobiotica. Organizzo su richiesta corsi di cucina naturale e piccoli catering a domicilio. Sono disponibile per consulenze macrobiotiche.

Precedente Orzo mondo alla zucca Successivo Orzo perlato con crema di ceci e porri al Za’atar

9 commenti su “Brownies vegan con fagioli neri, fragole e pepe rosa

    • Si, in effetti non pensiamo mai alla frutta come ad un dolcificante, a causa del sapore più “blando” rispetto a quello dello zucchero. Ma dobbiamo pensare che lo zucchero raffinato è un prodotto davvero molto concentrato, ha un effetto devastante sul nostro corpo che deve gestire questi alimenti estremi. Senza contare che il suo sapore estremamente dolce sovrasta su ogni cosa e stordisce le nostre papille gustative. Perciò dovremmo abituarci via via a sapori più tenui, usando ad esempio la frutta per dolcificare. Dopo qualche anno vedrete che i dolci tradizionali non piaceranno più al nostro palato!

  1. Giulia il said:

    Al posto del malto di riso (che serve come dolcificante immagino) cosa/quanto posso usare?
    forse il miele non ci sta bene perchè avrebbe un sapore troppo predominante… semplice zucchero (possibilmente di canna)?? Oltre ovviamente al succo di mela…
    grazie 🙂

    • Cara Giulia, il malto è il dolcificante più naturale in assoluto, perciò lo uso in tutte le ricette dolci. Quella contro lo zucchero è una guerra assolutamente dichiarata per quanto mi riguarda, perciò no, non mi sento di consigliarti lo zucchero in alternativa al malto, né altri dolcificanti come stevia, agave, zucchero di cocco, sciroppi… che hanno lo stesso effetto devastante dello zucchero sul nostro corpo (alcuni forse anche peggiore). Una volta presa coscienza degli effetti, si tratta solo di compiere una scelta: scegliere di evitarlo, oppure scegliere di usarlo comunque, magari solo per quella volta. In ogni caso, l’importante è essere consapevoli che ogni alimento ha un effetto su di noi, a breve o a lungo termine! Un abbraccio
      Silvia

    • Certo, la quantità di liquido aggiunto è così scarsa che puoi usare anche l’acqua, serve solo a rendere l’impasto più morbido. Il succo di mela però è naturalmente dolce, quindi è utile anche per ridurre la quantità di dolcificante. Puoi usare latte di riso/avena/mandorla/sorgo/miglio, ovviamente al naturale senza zucchero. Il latte di soia non è dolce.

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.