Author: umesapiens

La zuppa di miso: una medicina naturale

La zuppa di miso: una medicina naturale

La Zuppa di miso è concepita per essere equilibrata in ogni aspetto energetico ed è quindi valida anche a scopo curativo. In giapponese la parola MISO significa letteralmente “fonte di sapore”; infatti il suo principale utilizzo in cucina è come condimento nelle zuppe, nelle verdure e nei cereali.

Castagnaccio vegan, senza glutine, senza zucchero

Il castagnaccio è una di quelle che possiamo chiamare “minimosforzomassimaresa”: con pochissimi ingredienti e in sole quattro mosse, ecco il vostro dolce dal successo assicurato, pronto per essere condiviso. Inoltre è adatto proprio a t utti, perché senza zucchero, senza glutine e vegan. Il castagnaccio è un dolce intenso e corposo in particolare non ha zucchero e ci sono pochissimi grassi (la castagna non è grassa: sono carboidrati), ma il suo sapore è deciso e netto, ha praticamente zero margine di errore e non stanca mai.

Miglio al cavolfiore: il cereale del buonumore

Il miglio è il cereale migliore per rinforzare difese immunitarie e eliminare liquidi in eccesso. Il miglio alla zucca è un must della cucina macrobiotica, la versione col cavolfiore è anche utile per rafforzare il cuore. L’ho accompagnato con una semplice salsa leggermente acidula, che trovo perfetta per completare la dolce sinfonia di questo piatto.

Vegan Burger di zucca, tofu e quinoa con birra glutenfree alla quinoa

Vegan Burger di zucca, tofu e quinoa con birra glutenfree alla quinoa. Una Blond Ale tutta particolare, si afferma con carattere senza risultare una copia sbiadita delle birre con glutine. Ho pensato che la zucca potesse essere l’ingrediente base, dato che il sapore dolce, ma non stucchevole, si sposa bene con questo tipo di birra, che lascia un gradevole retrogusto amaro.

Crostata con crema di castagne e azuki e ribes rosso

È stato difficile questa settimana trovare il tempo di sedersi al PC e scrivere un post. Spesso gli impegni si frappongono fra noi e le nostre aspirazioni o i nostri desideri, che siano anche solo prendersi un po’ di tempo per una passeggiata, una nuotata, una ceretta o un tè con l’amica. Siamo noi donne a soffrire di più per l’impossibilità di realizzarci come vorremmo. E lo dico seriamente, senza ombra di autocommiserazione: il carico di...

Gnocchi di batata con cavolo nero glutenfree

Gnocchi di batata con cavolo nero glutenfree

Gnocchi di batata (patata americana) con pesto di cavolo nero. Piatto senza glutine e vegan

bavarese vegan alle pere

Bavarese vegan alle pere, mandorle e zenzero

Sono dell’idea che quando la voglia di qualcosa di dolce ti prende, è inutile opporsi. Presto o tardi ci si trova – non si sa bene come – in pasticceria con un cannolo in una mano e una fetta di sacher nell’altra, inermi di fronte al raptus. Oppure il nostro subdolo inconscio ci spinge ad iscriverci, nientemeno, al corso di cake design o a un contest di pasticceria: improvvisamente il mestiere del pasticcere diventa il sogno...

Pane di farro all’uva cotto a vapore

Finalmente ce l’ho fatta: ieri ho preparato, come ogni finesettimana, il pane a vapore con la mia pasta madre. Ma prima di iniziare a impiastrarmi per bene, ho preso carta e penna (impiastrate perbene anche loro) e ho preso nota delle dosi. Così dopo anni di promesse fatte fra me e me -e mai mantenute- finalmente vi posso spiegare per filo e per segno il come e il perché di questo pane cotto a vapore. Iniziamo...

Crêpes vegan alla carruba

La carruba: non proprio un bell’aspetto a vedersi, con quel baccellone scuro e duro; né possiamo parlare di un dolce suono a pronunciarla. Eppure il suo sapore è dolcissimo, avvolgente. È vagamente simile al cacao – e qui mi aspetto critiche a cannonate – soprattutto per il suo profumo aromatico e intenso, quasi vanigliato, ma meno amaro. Il carrubo è un albero possente e vigoroso, nodoso, tipico dell’area mediterranea più arida. Produce questi baccelli grossi, simili...

Boršč vegan: rape, rape e ancora rape!

Boršč vegan: rape, rape e ancora rape!

Un piatto del nostro continente, tipico dell’area slava. L’uso di barbabietola e paprika (yin) è bilanciato dalla lunga cottura e l’aggiunta di scorzonera e carote (yang). Il particolare sapore è dato dall’associazione di aneto, aceto e paprika.